Monografie "Altrimenti"


Il respiro del Drakensberg

Uomo e animale sono inestricabilmente legati sin dagli albori dell'umanità. Non di rado, infatti, riaffiora nelle pitture rupestri una misteriosa figura ibrida che ci affascina e ci inquieta: il teriantropo, il cui significato è stato in parte spiegato grazie agli studi compiuti fra le caverne boscimani del Drakensberg, in Sudafrica. Nel censurare o cancellare deliberatamente la propria natura animale, l'uomo di oggi pare pronto per fondersi con quella stessa tecnologia attraverso cui pensa di affrancarsi dai suoi istinti più atavici. La storia dell'apartheid, così come dell'immaginario umano ad esso sotteso, offre però una chiave di lettura capace di mostrarci come l'umanità sia ben lungi dall'aver imboccato una nuova via di progresso spirituale, ancorché evolutivo.

Luci su Qumran

Il deserto d'Israele torna a parlare. A distanza di quasi settantanni dal ritrovamento dei discussi Rotoli del Mar Morto, nuove testimonianze riaprono il dibattito sulla pretesa di verità della Bibbia. Da una parte viene rimessa in discussione l'interpretazione dei testi sacri, suggerendo addirittura scenari alieni; dall'altra, sotto la spinta destrutturante delle nuove tecnologie, tramonta l'idea di canone ed auctoritas. Il Libro è giunto forse alla fine? Ma siamo ancora in grado di leggere, nell'era dell'immagine e della digitalizzazione? Per trovare una risposta occorre tornare nomadi e riattraversare il deserto dell'Esodo. Sfidare le aride gole del Negev e della Giudea, dove l'antica sapienza gnostica pare di nuovo chiamarci per l'ultima e più sconvolgente rivelazione.

Altissima Mesopotamia

Il sito archeologico di Goebekli Tepe, in Turchia sud-orientale, non è semplicemente il complesso monumentale più antico del mondo. I suoi impressionanti pilastri a T, così come il ricchissimo bestiario scolpito e i misteriosi simboli affioranti fra i suoi resti, alludono a un'organizzazione sociale sino ad ora ritenuta impossibile nel X/XI millennio a.C.

Studiosi internazionali sono ancora in cerca di una risposta sulle sue origini, ma quel che si profila all'orizzonte lascia tutti a bocca aperta: l'uomo pare essere molto più vecchio di quanto oggi si pensi e la remota area che si estende fra Turchia, Siria e Iraq ha molto, forse troppo in comune col leggendario Eden Terrestre.


Il lato oscuro dell'Africa

Fine delle dipendenze. Grazie alle secolari virtù della pianta nazionale del Gabon, è oggi possibile uscire dalla schiavitù delle droghe, del fumo o dell'alcool senza lunghi e costosi trattamenti. Al di là della carne, l'iboga può curare anche e soprattutto lo spirito: attraverso un complesso rito d'iniziazione d'origine pigmea, gli alcaloidi contenuti nelle sue radici aprono un canale di comunicazione fra il mondo dei vivi e quello dei morti, di ritorno dal quale la propria vita non sarà più la stessa. 

Un tesoro a doppia faccia che seduce sempre più adepti occidentali, ma in grado di trasformarsi anche in un'esperienza fatale, senza un'adeguata conoscenza delle millenarie tradizioni indigene. 


Tequila e gloria!

Il lancio internazionale del pulque, un'antica bevanda psicotropa d'origine azteca, rappresenta un momento di rottura epocale per il mercato dei grandi monopoli. Ad imporsi, infatti, non è solo un nuovo gusto o una nuova moda, ma un sistema di produzione e organizzazione sociale che ridà voce alla tradizioni indigene centroamericane, svelandone i profondi legami con la lotta di classe. L'agricoltura intensiva d'impronta statunitense viene rivoluzionata da microimprese sostenibili, proprio nel cuore della cosiddetta "Silicon Valley" messicana: lo stato di Jalisco. Nell'odierna competizione fra le tre bevande nazionali messicane, la tequila, il mezcal e il pulque, emerge in realtà una visione del mondo che riconferisce al bere la sua vocazione sacrale e conoscitiva

Febbre artica

A distanza di quasi cinquecento anni dalle prime tragiche esplorazioni, il passaggio navale che collega l'oceano Atlatico al Pacifico è ora navigabile per intero. L'Artico russo comincia a far gola a tanti e il rischo di una sua militarizzazione si fa di giorno in giorno più alto. 

Eppure la storia degli esploratori che ne hanno insidiato i ghiacci, non da ultimo il nostro Giacomo Bove, rimette prepotentemente l'uomo di fronte alla sfida del limite: sino a dove è lecito spingersi? Esiste un punto di non ritorno? Le popolazioni nomadi dell'Artico mostrano una saggezza che il mercato globale continua a ignorare e, attraverso i loro adattamenti, rappresentano oggi un monito vivente contro la famelicità del consumo.

Sulle orme di Buddha

Spesso confuso ed equiparato alle religioni storiche, l'insegnamento originario del Buddha rappresenta una delle più alte forme di filosofia orientale, capace d'influenzare profondamente anche il modo di pensare odierno. Ma è soprattutto la sua vocazione a mettere in discussione ogni verità, ogni principio, a fare presa oggi in un numero sempre maggiore di seguaci dell'Illuminato, 

Il ritorno al Buddha storico si è tradotto nella riscoperta del circuito di pellegrinaggio per i suoi luoghi natale, fra gli stati del Bihar e dell'Uttar Pradesh in India. Terre che celano ancora una scottante verità sulla fine del grande saggio. Umana, sin troppo umana.